Che lo abbiano fatto "duro" o "soft", il 95% degli uomini omo-bisessuali italiali ha fatto sesso anale nella propria vita. Ma cos'è esattamente il sesso anale e perché va protetto?

SESSO ANALE COME "SCOPARE"

Il sesso anale è spesso pensato solo come penetrazione cazzo-culo (pene-ano), ovvero come "scopare" o "essere scopati". Ma l'ano può essere stimolato anche in altri modi - toccando, leccando e infilando le dita o altro. Nessuna di queste pratiche è necessariamente preliminare rispetto alla penetrazione, possono semplicemente essere eccitanti di per sé. Non è necessario passare dall'una all'altra pratica, non è necessario provarle tutte: tuo è il corpo, tuoi sono i limiti e non c'è nessun automatico passaggio da una pratica all'altra. Esplora i tuoi limiti, da solo, o con qualcuno di cui hai fiducia. 

L'abbondanza di nervi nell'ano può rendere il sesso anale molto piacevole sia per gli uomini sia per le donne. Negli uomini il piacere viene anche dalla stimolazione interna della prostata. Anche le persone eterosessuali fanno sesso anale, inteso come penetrazione pene-ano, non solo gli uomini che fanno sesso con uomini. Per esempio, negli USA una indagine CDC del 2005 sui comportamenti sessuali mostrava che anche il 40% degli uomini e il 35% delle donne etero ha fatto sesso anale nella propria vita. Certo, meno del 95% degli uomini omo-bisessuali secondo lo studio EMIS in Italia, ma pur sempre percentuali non trascurabili. In questa sezione ci occupiamo solo del sesso anale come penetrazione. 

IL RISCHIO NEL SESSO ANALE

Se ti piace il sesso anale o lo vuoi provare, è importante che ricordi che il sesso anale senza preservativo o comunque senza alcuno strumento di prevenzione è in assoluto la pratica sessuale più a rischio, 20 volte di più del sesso vaginale. La trasmissione dell'HIV è molto più facile con il sesso anale per la sua vulnerabilità fisiologica e biologica, ovvero:

  • mucose più delicate e meno lubrificate, rispetto alla vagina;
  • alta concentrazione di globuli bianchi nel retto;
  • naturale funzione di assorbimento dei fluidi da parte del colon;
  • fluidi anali che, per quanto relativamente scarsi, contengono e trasportano anche più virus di altri fluidi ad alto rischio (sperma, umori vaginali).

 

Il rischio nel sesso anale è alto indipendentemente da ruoli o dal fatto di venire dentro. Certamente, nell'ambito di una pratica di per sé a più alto rischio, chi viene penetrato (scopato) e riceve anche lo sperma internamente è nella situazione più a rischio in assoluto. In generale il ricettivo (passivo) è più vulnerabile con o senza sperma dentro (perché c'è comunque il liquido pre-spermale, la funzione di assorbimento, ecc), ma anche chi penetra deve comunque considerare l'alta vulnerabilità del sesso anale di per sé, che vale per entrambe le direzioni. L'unico aspetto "preventivo" per l'HIV che riguarda solo l'inserivo (attivo), ovvero chi penetra, è la circoncisione: diversi studi dimostrano che chi è circonciso riduce il rischio di contrarre il virus mentre penetra (per maggiori info, guarda qui).

In sostanza: scopare (o farsi scopare) senza venire dentro non è un metodo di prevenzione. Se usi condom e lubrificante a base di acqua o silicone ogni volta che fai sesso anale, ti proteggi dall'HIV e da tante altre infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

Quando stai scopando con il preservativo, ogni tanto tira fuori il cazzo o invita l'altro a tirarlo fuori (per esempio quando cambiate posizione) e controlla che il preservativo sia ancora a posto. Puoi aggiungere lubrificante in quel momento, faciliterà la continuazione, o puoi mettere un nuovo preservativo se la scopata dura da molto.

IL LAVAGGIO INTERNO (DOCCIA ANALE)

Alcuni preferiscono lavarsi internamente prima del sesso anale, anche se con una dieta sana e ricca di fibre si dovrebbe essere normalmente già sufficientemente "puliti". Non è quindi un passaggio necessario per il sesso anale. Se però decidi di farlo, usa solo acqua calda, perché il sapone danneggia la superficie della mucosa del retto. Puoi comprare un "doccino" (clistere) nei sexy shop, ma anche in farmacia (in farmacia opta per quelli riutilizzabili riempiendoli d'acqua dopo il primo uso con il suo liquido). Alcuni utilizzano anche il tubo della doccia direttamente: c'è però un rischio sul controllo della temperatura e della pressione dell'acqua, perché il retto non sente il calore e quindi potresti scottarti!

La contro-indicazione, rispetto al rischio, riguarda il fatto che la doccia anale può irritare e/o danneggiare la superficie della mucosa rettale, e lavare via anche la poca lubrificazione interna che già c'è. Questo rende ovviamente la mucosa più suscettibile di subire un'infezione di HIV se non si usa condom e pub o altri strumenti di prevenzione. Se si passa al sesso almeno mezzoretta dopo la doccia anale, si dovrebbe essere ristabilita la caratteristica (per quanto poca) lubrificazione interna del retto. In ogni caso, usando condom e soprattutto molto lubrificante a base di silicone o di acqua, sei sicuro che previeni la trasmissione dell'HIV, indipendentemente dal fatto che ti lavi dentro o no.

ESPLORARE

Se non sei sicuro di voler/poter usare il tuo culo nel sesso, soprattutto per farti penetrare, un modo per capirlo è esplorare tu stesso.

Per esempio puoi esplorare il tuo corpo dopo una doccia o un bagno. Mentre ti masturbi tocca l'area sotto le palle, tra le gambe, e pian piano arriva al buco. Prendi molto lubrificante e mettilo sulle dita e prova a sentire l'area esterna del buco del culo. Prenditi tutto il tempo che serve. Se ti piace, fai scivolare lentamente dentro un dito. Probabilmente il tuo ano si "chiuderà", si stringerà: non allarmarti, è normale! E' una risposta automatica di un muscolo chiamato sfintere.

Il modo per superare piano piano questo ostacolo è penetrare l'apertura lentamente con il dito ben lubrificato e lasciare che lo sfintere si chiuda. Appena si chiude, togli il dito. Aspetta 30 secondi e ricomincia ad infilare il dito di nuovo - questa volta dovrebbe essere più semplice. Se non lo è, riprova prendendoti il tuo tempo.

Se ti è piaciuto stimolarti con il dito, prova qualcosa di più grosso, due o tre dita. Ci sono anche dildi di diverse dimensioni proprio per chi comincia e vuole provare. Ricordati sempre che quando giochi infilando oggetti non devi mai infilarli del tutto, potrebbe essere molto difficile tirarli fuori!

In ogni caso, se ti piace stimolarti con le dita o altro, questo non vuol dire che tu debba farti penetrare per forza nel sesso. Ognuno ha i propri limiti e i propri piaceri e non c'è nessun passaggio automatico da una pratica all'altra.

Stimolarsi con le dita (o farsi stimolare) infilandole può anche essere un ottimo modo per mettere correttamente ed efficacemente il lubrificante all'interno del culo e allo stesso tempo giocarci quando si sta per scopare. In questo modo diventa erotico un passaggio che è fondamentale, perché a volte la rottura del preservativo è legata proprio alla mancanza di lubrificazione interna dell'ano: molti mettono il lubrificante solo sul preservativo, o all'esterno del culo, e può non essere sufficiente.

Questo sito, come molti altri, utilizza cookies tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Privacy Policy