Fai il test! (2015 - 2016)

Nella Seguente mappa troverai i luoghi in cui potrai fare il test.

In occasione della Testing Week e per tutto il mese di dicembre 2015, ARCIGAY in collaborazione con ANDDOS offre la possibilità di fare il test HIV rapido capillare, gratuito e anonimo. I volontari dell'associazione si occuperanno dell'accoglienza, mentre il test sarà effettuato da un medico, il tutto in collaborazione con locali centri clinici che si occupano di HIV.

Il test è un test rapido capillare di tipo COMBO che consente un'indicazione precoce dello status HIV (per maggiori info sui tipi di test, vedere qui).

Il risultato del test può essere "non reattivo" (negativo) o "reattivo" (preliminarmente positivo). L'esito reattivo è da intendersi come "preliminarmente positivo", dunque non come diagnosi definitiva, per la quale invece sarà suggerito (e se richiesto anche accompagnato) esame di conferma presso il centro clinico HIV di riferimento con una procedura agevolata.

Le città coinvolte sono:

 

VERONA

Milk LGBT Community Center - Via Antonio Nichesola, 9 - Verona

Mercoledì 25 novembre dalle ore 19 alle ore 22

Mercoledì 2 dicembre dalle ore 19 alle ore 22

 

DESENZANO (BS)

Splash Club - Via Faustinella, 1 - Desenzano del Garda (BRESCIA)

Domenica 22 novembre dalle 15 alle 19

Domenica 29 novembre dalle 15 alle 19

Domenica 6 dicembre dalle 15 alle 19

Domenica 13 dicembre dalle 15 alle 19

 

TORINO

Casa Arcobaleno - Via Lanino, 3/A - Torino

Venerdì 27 novembre dalle ore 19 alle ore 21

Giovedì 10 dicembre dalle ore 20,30 alle ore 22,30

Mercoledì 16 dicembre dalle ore 20,30 alle ore 22,30

Martedì 22 dicembre dalle ore 20,30 alle ore 22,30

Martedì 29 dicembre dalle ore 20,30 alle ore 22,30

 

011 Sauna CLUB - Via Messina, 5 - Torino

Sabato 28 novembre dalle 15,30 alle 18,30

Sabato 12 dicembre dalle 15,00 alle 18,30

Sabato 19 dicembre dalle 15,30 alle 18,30

 

MILANO

CIG Arcigay Milano - Via Bezzecca, 3 - Milano

Domenica 22 novembre dalle 16 alle 19

 

Join The Gap (discoteca Karma)

Domenica 29 novembre dalle 20 alle 01

 

Mercatino di Natale RAINBOW - via Lecco - Milano

Sabato 12 dicembre dalle 16 alle 21

Domenica 13 dicembre dalle 6 alle 21

 

MODENA

ARCIGAY MODENA - Via IV Novembre 40/A - Modena

Domenica 22 novembre dalle 16

Lunedì 23 novembre dalle 19

 

FROZEN - Strada Contrada 346 - Modena

Martedì 24 novembre dalle 23

 

PARCHEGGIO incrocio tra via Finzi e via Canaletto (Unità Mobile di Strada di Caleidos)

Mercoledì 25 novembre dalle 18

Giovedì 26 novembre dalle 18

 

LAGHETTI CURIEL di Campogalliano

Giovedì 26 novembre dalle 22

 

IL CANTUCCIO - Via Ramazzini, 65 - Modena

Venerdì 27 novembre dalle 20

 

NAPOLI

ARCIGAY ANTINOO NAPOLI - Vico San Geronimo, 17 - Napoli

Giovedì 26 novembre dalle 16 alle 20

Martedì 8 dicembre dalle 16 alle 20

Lunedì 14 dicembre dalle 16 alle 20

Martedì 15 dicembre dalle 16 alle 20

Mercoledì 16 dicembre dalle 16 alle 20 

PERUGIA

Omphalos Arcigay Arcilesbica - Via Pallotta, 42 - Perugia

Venerdì 20 novembre dalle 15 alle 20

Martedì 24 novembre dalle 15 alle 20

 

PADOVA 

ARCIGAY TRALALTRO - Corso Garibaldi, 41 - Padova

Martedì 1 dicembre dalle 15 alle 18

Giovedì 3 dicembre dalle 15 alle 18

Domenica 13 dicembre dalle 15 alle 19:30

Per aggiornamenti si Padova: www.tralaltro.it

 

PALERMO

ARCIGAY PALERMO - Via Benedetto D'Acquisto, 30 - Palermo

Lunedì 14 dicembre dalle 15 alle 18

Martedì 15 dicembre dalle 15 alle 18

Venerdì 17 dicembre dalle 15 alle 18

 

Fabric Club (ex Rise Up) - via Ugo La Malfa 91 - Palermo 

Venerdì 11 dicembre dalle 23

SIENA

Pubblica Assistenza Siena - Viale Mazzini, 95 - Siena

Martedì 1 dicembre dalle 16 alle 20:30

 

Questa campagna è stata ideata da ARCIGAY in collaborazione con ANDDOSnell'ambito del Progetto ProTEST finanziato con i fondi 8x1000 dell'Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi.

Oggi più che mai fare il test HIV per “saperlo”, cioè per sapere se si è contratto o meno il virus dell'HIV, è sempre e comunque la soluzione più vantaggiosa!

Avere timore del possibile risultato è umano e normale, ma i tempi sono cambiati e togliersi quel dubbio subito conviene in assoluto più di rimandare e temporeggiare, perché consente di vivere bene, anche qualora il risultato fosse positivo, ovvero che si è contratto l’HIV.

Oggi infatti si può avere una vita lunga e sana convivendo con il virus, si può vivere quanto una persona senza HIV, si può ridurre al massimo l’impatto del virus sulla propria salute, ma anche la propria infettività verso gli altri. 

Perché fare il test conviene sempre e comunque?

Più tardi si scopre di avere l’HIV, più si compromette il sistema immunitario e si rischiano complicazioni importanti...  risalire la china diventa poi più faticoso! 
Prima lo si sa, prima si può optare per ricevere subito la terapia e sollevare il sistema immunitario dall’aggressione del virus migliorando la salute complessiva. 
Le terapie sono sempre meno invasive e sempre più facili da assumere (anche solo una pillola al giorno), per quanto forti e talvolta fastidiose. 
L’inizio precoce della terapia, anche subito dopo la diagnosi, ha dimostrato di ridurre significativamente eventi seri di salute sul lungo periodo, rendendo l'AIDS un evento ormai davvero remoto. 
La terapia, già dopo pochi mesi di efficacia, consente di ridurre in modo consistente la propria infettività verso gli altri, fino quasi ad azzerarla anche nel sesso. 
Si può monitorare meglio la propria salute e valutare via via i vari correttivi eventualmente necessari alla terapia rispetto allo stile di vita, e viceversa.

 

Un risultato positivo (avere l’HIV) non è sicuramente una passeggiata, da vari punti di vista, clinico, psicologico e sociale. Ma l'aspettativa di vita di una persona che vive con HIV, nelle condizioni di salute e di controllo descritte, è ormai praticamente uguale ad una persona che non ha l'HIV. L'unica vera differenza che conta, alla fine, è saperlo e saperlo presto: perché alla lunga semplifica la vita mille volte più di quanto si immagini!

Questa campagna è stata ideata da ARCIGAY in collaborazione con ANDDOS, nell'ambito del Progetto ProTEST finanziato con i fondi 8x1000 dell'Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi.