La gonorrea viene chiamata anche blenorragia o scolo ed è causata da batteri. La trasmissione avviene con i rapporti orali, vaginali e anali non protetti.

Il periodo che va dal contagio al manifestarsi della malattia (periodo di incubazione) dura dai due ai cinque giorni. Nel luogo dell’infezione compaiono infiammazioni delle mucose e, a seconda della pratica sessuale, compaiono anche infezioni nella zona della bocca o della gola e nell’ano. 

Sintomi nell’uomo:

  • perdite lattiginose, di colore giallastro, successivamente pruriginose dall’uretra
  • gonfiore doloroso del glande

Nell’uomo per lungo tempo l’infezione può causare solo sintomi leggeri. La conseguenza più rilevante per l’uomo potrebbe essere l’infertilità.

La gonorrea è un’infezione molto facilmente trasmissibile. La percentuale di uomini colpiti da gonorrea è molto elevata (l'80%), mentre la fascia d’età più colpita va dai 20 ai 24 anni. La gonorrea è curabile facilmente con antibiotici.

I preservativi e l’osservanza costante delle regole del Safer Sex riducono il rischio di contrarre la gonorrea, ma non escludono la possibilità di una trasmissione. Pertanto, è importante fare attenzione ai sintomi. Chi ha molti partner sessuali deve sottoporsi al test della gonorrea una volta all’anno. In caso di positività del test è importante informare volontariamente la/il partner fissa/o e le/i partner sessuali. L’informazione del partner può avvenire autonomamente oppure è possibile chiedere al medico curante o al personale di consulenza di fornire supporto con consigli. In questo modo è possibile evitare contagi ad effetto ping pong.

Questo sito, come molti altri, utilizza cookies tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Privacy Policy